Sto caricando…

Tito Tortini

Consorzio del Culatello di Zibello
www.consorziodelculatellodizibello.it

Il consorzio di Tutela del Culatello di Zibello nasce l’8 gennaio 2009 per difendere e promuovere la qualità e la tipicità del Culatello di Zibello DOP: un vero gioiello della salumeria italiana, di cui ogni giorno i produttori si impegnano a garantirne la provenienza dalla fascia di terra (Busseto, Polesine Parmense, Zibello, Soragna, Roccabianca, San Secondo, Sissa, Colorno) che corre lungo le rive del Po, nonché a tramandarne la l’antica lavorazione e l’autentica tradizione. Il Consorzio associa tutte le 21 aziende produttrici di Culatello di Zibello Dop e nel Giugno 2010 ha ottenuto il riconoscimento da parte del MIPAAF (Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali). Con il proprio marchio assicura, attraverso una severa regolamentazione e rigidi controlli svolti dall’Istituto Parma Qualità, la lavorazione tradizionale, la stagionatura adeguata e l’origine tutta italiana delle carni, per garantire al consumatore un prodotto che rispetti le tradizioni e venga ancora fatto “come si faceva una volta”, tanto che la preparazione dei Culatelli del Consorzio deve svolgersi completamente a mano. La fama che ha acquisito in tutto il mondo è relativamente recente, ma la produzione artigianale e la storia del Culatello hanno avuto inizio molti, moltissimi anni fa. Si narra che già nel 1332, al banchetto di nozze di Andrea dei Conti Rossi e Giovanna dei Conti Sanvitale, si facessero apprezzare alcuni Culatelli, recati in dono agli sposi. Oggi la nomea di cui può vantarsi il Culatello di Zibello è frutto anche degli sforzi promozionali dello chef patron dell’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense Massimo Spigaroli, dal 2015 presidente del Consorzio, nonché presidente dell’associazione CheftoChef emiliaromagnacuochi.

Indirizzo